Casa Scanagatti

Residenza in Valfenera
Cliente
Privato
Anno
2016 - 2018
Luogo
Valfenera (AT)
Tipologia
Ristrutturazione
Foto
Barbara Corsico


L’immobile si colloca all’interno dell’agglomerato urbano del Comune di Valfenera (Asti), situato al di sopra del Parco della Rocca, gode della vista delle colline astigiane.

L’edificio, classificato come “edificio di rilevante pregio architettonico”, si sviluppa su tre piani fuori terra ed uno interrato, segue il declivio collinare sul quale è posizionato. Il piano del cortile è infatti più in basso rispetto al piano strada.

Il progetto di ristrutturazione edilizia, attraverso una serie di opere volte a mantenere in efficienza l’edificio, non modifica la tipologia originaria ma ne esalta i caratteri architettonici e formali.

Il piano terreno, già destinato esclusivamente a zona giorno, risultava essere in stretto contatto con il giardino prospiciente. Tutti gli interventi hanno mirato a valorizzare questa situazione e creare maggiore connessione interno/esterno modificando il disegno della facciata attraverso l’ampliamento delle finestre in porte-finestre e la modifica planimetrica della cucina e della sala biliardo.



I piani superiori invece sono stati destinati a zona notte e zona svago e gioco. Particolare attenzione è stata posta alla camera patronale “la Suite” situata al piano secondo, l’unica ad avere accesso diretto alla terrazza sul portico. “La suite”, necessitava di uno spazio guardaroba e di un bagno privato. Si è realizzato un volume soppalcato destinato a contenere i servizi e una scala a sbalzo inserita nella muratura che porta al piano superiore destinato a spazio relax e studio.
Il restauro di tutte le decorazioni a soffitto e a parete sottolinea il carattere storico dell’edificio.
Esternamente, incrociando le analisi stratigrafiche con le fotografie d’archivio, si è voluto proporre la colorazione che le facciate avevano più di cinquant’anni fa, restaurando i decori presenti: l’ampia fascia con motivi floreali sul lato strada e la pantalera con lambrequin di ricamo in legno, e le decorazioni con motivi floreali sul lato cortile, riproponendo gli anteridi e le cornici poste attorno le finestre e presente nelle immagini storiche.

Si è trattato di un progetto di ristrutturazione edilizia che mirava a non deformare l’originalità formale dell’edificio, i pochi interventi architettonici hanno sottolineato quanto la funzionalità può coesistere con la storia senza alterarne i contenuti.



CREDITI
Architetture: Studioata e Arch. Franco Gurlino
Strutture:
Ing. Michele De Rossi
Energetica: Ing. Federico Marocco
Impianti: PrP Associati – Ing. Marcello Prina, Ing. Stefano Polledro
Impresa costruttrice: Udeco srl
Decorazioni facciate e interne: Massimiliano Mattone
Impianto elettico: I.C. Impianti Elettrici di Infante Ciro
Progettazione linea vita: Geom. Olivero Franco Danilo
Arredamento: Bussolino Arredo
Falegname: M&M Arredamenti
Fabbro: Esse Ci
Serramenti: Nasi serramenti
Decorazione camino: Decoral System
Collaboratori: Arch. Giovanna Palmieri